Perchè una casa di paglia?

La paglia è un materiale “sostenibile” in quanto è il sottoprodotto del cereale (grano, orzo, avena, segale, riso,miglio..) che viene raccolto per essere consumato come alimento ed è reperibile in tutto il mondo in quanto i cereali sono alla base dell’alimentazione umana. È naturale e rinnovabile annualmente. Il metodo di costruzione con le balle di paglia è un modo intelligente di edificare ormai consolidato da decenni.

 

Caratteristiche

Oltre alla semplicità di costruzione, tra i vantaggi della casa di paglia vi sono:
- alto potere isolante termico della paglia compressa (la trasmittanza termica della paglia è molto buona: da 0,08 a 0,13 W/m2K e questo fa sì che si raggiungano facilmente i requisiti previsti per le case in classe A+);
- l’alto isolamento acustico;
- traspirabilità dei muri e conseguente salubrità degli ambienti interni;
- basso impatto ecologico;
- basso rischio di incendio; al contrario di quanto si possa pensare, le case in paglia resistono al fuoco più a lungo di un edificio in calcestruzzo armato.

Le caratteristiche del materiale sono mantenute a patto che la costruzione venga realizzata a regola d’arte e riceva una regolare manutenzione, soprattutto nel caso si utilizzino materiali “naturali” per l’intonacatura. In caso contrario le infiltrazioni d’acqua e l’umidità possono compromettere gravemente le prestazioni dell’edificio.

 

Isolamento

La casa di paglia offre una grande capacità di isolamento a costi ridotti. Il valore K della paglia in una balla è di 0,13W/m2K; un muro tipico con uno spessore di 450 mm + lo spessore dell intonaco ha un valore attorno U di 0,09W/ m2K

 

Incendio

Basso rischio di incendio. Un muro della casa di paglia intonacato resiste alle temperature di 1010° C per tre ore.

 

Fono assorbente

É utilizzata per costruire studi di registrazione o come barriera lungo le autostrade e aeroporti.

Naturale e Sana

La casa di paglia è naturale e sana. Con questa tecnica si cura in particolar modo la qualità edilizia. Non può causare la febbre da fieno, dato che non si tratta di fieno (= erba verde tagliata ed essiccata). La paglia è un materiale traspirante che, se abbinato a intonaci naturali (calce e/o terra cruda), contribuisce a mantenere il ricambio dell’aria all’interno dell’edificio, evitando la formazioni di muffe in bagno e cucina

 

Costo Basso

Comprata al mercato e portata a casa, in pianura Padana, può costare da 1,5€ a 2,5 € per balla. Per una casa semplice di 150 mq. occorrono circa 280-310 balle per un costo totale di 450-775 €. Grazie alla semplicità della tecnica di costruzione si riducono inoltre i costi per la manodopera. Il grosso risparmio lo si ha nel tempo per la riduzione dei costi per il riscaldamento. In confronto alle abitazioni moderne, questi costi possono essere ridotti del 75% all’anno. basta un buon progetto e voglia di divertirsi !!

 

Resistenza alle sollecitazioni sismiche

Per quanto riguarda la resistenza sismica, una casa di paglia in caso di eventi sismici offre miglior garanzie rispetto ad edifici in laterizio o calcestruzzo armato. La forza esercitata dal sisma sull’edificio è proporzionale alla massa dell’edificio stesso; essendo una casa di paglia molto più leggera rispetto a un edificio in mattoni o cemento armato, la sollecitazione che ne riceve è notevolmente inferiore. La flessibilità del materiale consente inoltre l’assorbimento delle vibrazioni, riducendo la possibilità di cedimenti strutturali.

 

Quanto dura una casa di paglia?

Una casa di paglia può durare per secoli se ben progettata e ben costruita. La paglia è un materiale durevole se conservato all’asciutto e protetto, da un intonaco, ad esempio (si pensi ai cesti di paglia ritrovati nelle piramidi egizie o nelle tombe etrusche). Al momento le case più antiche e tuttora utilizzate in ottimo stato, risalgono alla seconda metà del 1800 (quando è nata la macchina imballatrice!)

Casa di paglia realizzata alla fiera di Cuneo

in collaborazione con: Essepi Ingegnieria La Cascina Arredamenti.

Una nostra dimostrazione di casa realizzata con le balle di paglia.

Video - La casa di paglia

Storia della casa di paglia

La casa di paglia nasce nella seconda metà dell’Ottocento negli Stati Uniti, nello stato del Nebraska, a opera di pionieri stabilitisi in una zona povera di pietre e legname, materiali tradizionalmente utilizzati per le costruzioni.

Negli anni settanta del XX secolo, la tecnica della casa di paglia è stata riproposta da Judy Knox e Matts Myhrman, che vi hanno apportato delle modifiche per adeguarla alle esigenze moderne. All’inizio degli anni novanta, Barbara Jones ha importato queste tecniche nel Regno Unito adattandole alle diverse esigenze climatico-ambientali locali.

Le tecniche utilizzate negli Stati Uniti e Canada prevedono tondini di acciaio per mantenere allineate le balle nei muri, rete elettrosaldata come porta intonaco, fondazioni in calcestruzzo armato, intonaci cementizi, ecc. Barbara Jones ha proposto la sostituzione del ferro con il legno, individuando il legname di nocciolo quale sostituto del metallo e proponendo l’utilizzo della calce in sostituzione del cemento, con intonaci a calce e in terra cruda dalle superiori proprietà di traspirazione rispetto agli intonaci cementizi.

La casa di paglia - Frabosa

Capannone in paglia